Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Ricerca avanzata

“Domani partiamo per non so dove”

I deportati della Valpolicella nei campi di concentramento tedeschi

di

Share
Condividi

Nell’ultimo scorcio della seconda guerra mondiale anche la Valpolicella, un lembo del territorio veronese, ha conosciuto il fenomeno della deportazione nei campi di concentramento tedeschi. Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 a subire l’offesa della deportazione, attuata dai nazisti con la complicità dei fascisti della Repubblica sociale, furono i militari del regio esercito, gli appartenenti alla comunità ebraica, le persone utilizzate come manodopera schiava nelle fabbriche tedesche e gli oppositori politici.
Dopo una prima parte di inquadramento del periodo storico, la ricerca ricostruisce le vicende di deportazione di ventotto persone nate in Valpolicella o per qualche ragione legate a questa terra. Ben la metà di essi perse la vita nei campi di concentramento e di sterminio: tredici in Germania e uno, di religione ebraica, in Polonia, ad Auschwitz.

  • Anno: 2015
  • Formato: 15x21 cm
  • Pagine: 224
  • Rilegatura: brossura cucita
  • ISBN: 9788883147821
  • Prezzo: 14 €