Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Ricerca avanzata

La congiura imperfetta di Baiamonte Tiepolo

a cura di

Share
Condividi

Fra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo il ducato veneziano è travagliato da complotti e lotte intestine. Nel 1308 la guerra di Ferrara e la pesante ingerenza di papa Clemente V creano le condizioni perché Baiamonte Tiepolo e Marco Querini, con l’appoggio di Badoero Badoer, imparentato alla potente famiglia dei Da Peraga di Padova, organizzino una congiura per uccidere il doge Pietro Gradenigo e prendere il potere. I giochi politici per la supremazia si intrecciano agli interessi economici di quella parte del patriziato che ha investito in terraferma e non disdegna alleanze con le signorie ferraresi e patavine, auspicando forse l’omologazione del modello del governo repubblicano a quello dinastico degli altri stati Italiani. Ma il tempo, il caso, la sfortuna, tutto sembra accanirsi contro i rivoltosi: la notte fra il 14 e il 15 giugno 1310 un tremendo temporale rallenta l’azione, fa incagliare le barche dei padovani a Lizza Fusina, un traditore avverte il doge, ma la inaspettata reazione delle guardie è nulla rispetto all’imprevedibile caduta di un mortaio che, spinto inavvertitamente da una vecchia, centra il portabandiera del Tiepolo e fa cadere da cavallo lo stesso Baiamonte. La congiura fallisce e la ricorrenza di San Vito entra nelle celebrazioni liturgiche con cui la ragion di Stato afferma la protezione divina del proprio assetto repubblicano che da allora e fino alla fine della Repubblica sarà tutelato anche dal Consiglio dei Dieci, istituito per individuare e perseguire i traditori e i nemici della Repubblica. La vecia del morter sarà ricompensata con l’affitto bloccato della sua casa, mentre il palazzo di Baiamonte sarà raso al suolo. In queste pagine studiosi e scrittori di diversa formazione analizzano lo scenario, l’azione e gli attori della congiura imperfetta. La memoria del fatto viene restituita alla città attraverso i luoghi che ancora lo raccontano e attraverso le fantasie che ha evocato e ancor oggi evoca.

  • Anno: 2011
  • Formato: 15,5x23 cm
  • Pagine: 144
  • Rilegatura: brossura cucita
  • ISBN: 9788883146008
  • Prezzo: 16 €