Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Filter by Custom Post Type
Ricerca avanzata

La donna che uccise il principe

Maria Antonietta Lazzarini e Luigi Alberico Trivulzio: la storia, le lettere

di

Share
Condividi

«Scintilla di fuoco e fiamma»: così, nelle memorie scritte nel manicomio criminale di Aversa, l’insegnante estense Maria Lazzarini rievoca i colpi di pistola esplosi contro il principe Luigi Alberico Trivulzio nel centro di Milano la sera dell’8 novembre 1938. Il delitto conclude una tormentata relazione iniziata nel 1924, quando una finestra “galeotta” aveva fatto sì che i due si conoscessero, diventando amanti. La stampa non ne parla: la vittima è uno dei più bei nomi del patriziato milanese e sua moglie ha un ruolo di primo piano nelle istituzioni fasciste. Il processo non lo vuole nessuno, tranne l’omicida. Dichiarata inferma di mente, Maria trascorre quindici anni di reclusione nei manicomi di Aversa e di Padova. Quando a metà degli anni Cinquanta torna a Este, resta ai margini del tessuto sociale. Solo i piccioni che svolazzano liberamente nella sua camera e la radio sempre accesa le tengono compagnia. Ma la sua curiosità intellettuale non si è spenta: scrive a Umberto Terracini, riprende i contatti epistolari con Lalla Romano, amica di gioventù, e decide di istituire una fondazione per erogare borse di studio agli studenti bisognosi, gli odierni “Premi Lazzarini”.

La segnalazione e un estratto del volume su storiaMestre.it

  • Anno: 2018
  • Formato: 12 x 20 cm
  • Pagine: 100
  • Illustrazioni: in bianco e nero
  • Rilegatura: brossura
  • ISBN: 9788883149573
  • Prezzo: 11,00 €