Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Filter by Custom Post Type
Ricerca avanzata

Santa Marta

Past and present

di

Share
Condividi

The University Site of Santa Marta is located in a huge complex of military architecture, originally used for the production and storage of bread, grain and other troop rations. The building, built between 1863 and 1865, was one of the most impressive logistics plants in the Austrian stronghold in Verona, Italy’s most important military city, and one of the most significant in Europe. After annexation to the Kingdom of Italy, the plant remained in use for over a century, with a variety of new functions, until the 1990s.
After recent renovation by Verona University, the Santa Marta complex is now the site for its Economics and Law Departments, as well as housing the Economics Library. The work of architectural restoration involved careful qualitative research and the use of innovative technologies. One example is the state-of-the-art geothermal plant for renewable energy. The renovation work, carried out by Massimo Carmassi and Gabriella Ioli Carmassi, in conjunction with Iuav Studi e Progetti, was awarded the Gold Medal for Italian Architecture at the Milan Triennale in 2015.
A permanent exhibition in the former bakery covers the history of the building and its relations with the city, with the further dimension of how soldiers were fed. This book presents a historical reconstruction of the relations at Santa Marta between the economy, architecture, science, technology and institutions, in the past and in the present day.

Il Polo universitario di Santa Marta si colloca in un vasto complesso architettonico militare, originariamente destinato alla produzione di pane e alla conservazione di cereali e di generi di sussistenza per le truppe. Lo stabilimento, costruito tra il 1863 e il 1865, costituì uno degli impianti logistici più imponenti della piazzaforte austriaca di Verona, città militare più importante d’Italia e una delle principali in Europa. Con l’annessione al Regno d’Italia, l’attività produttiva dell’impianto continuò per più di un secolo e le sue funzioni furono adattate a diverse funzioni, fino agli anni Novanta del Novecento.
Grazie ai recenti restauri promossi dall’ateneo di Verona, il complesso di Santa Marta è divenuto la nuova sede dei dipartimenti di area economico-giuridica e della biblioteca economica. I lavori di recupero architettonico sono stati caratterizzati da un’attenta ricerca qualitativa e dall’utilizzo di tecnologie innovative. Ne è un esempio l’impianto geotermico, all’avanguardia nel campo delle energie rinnovabili. Al progetto di recupero, realizzato da Massimo Carmassi con Gabriella Ioli Carmassi, Isp e Iuav Studi e Progetti, è stata conferita la Medaglia d’Oro all’Architettura italiana 2015.
Una mostra permanente situata nell’ex panificio ne ripercorre la storia fino all’attuale destinazione d’uso, considerando l’edificio nel contesto urbano e intrecciandosi con il tema del rapporto tra soldati e cibo. Questo volume ricostruisce le connessioni tra economia, architettura, scienza, tecniche e istituzioni che caratterizzano passato e presente della Santa Marta.

In coedizione con l’Università degli studi di Verona.

  • Formato: 21x28 cm
  • Pagine: 80
  • Rilegatura: brossura cucita
  • ISBN: 9788883148767
  • Prezzo: 16 €