Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Ricerca avanzata

La vita in Cadore

Aspetti del dominio veneto nelle lettere di capitani e vicari. 1500-1788

di

Share
Condividi

Nel 1420 le truppe della Repubblica di Venezia, dopo il Friuli, conquistano anche il Cadore. Come mai tanto interesse per questa subregione dell’alto bacino del Piave, fatta di rocce e boschi? Le motivazioni erano molteplici: ci passava la via d’Alemagna così ricca di traffici nord-sud; c’erano vasti boschi di varie essenze, indispensabili per l’Arsenale della Serenissima, per l’edilizia in espansione e per il riscaldamento delle abitazioni; dal punto di vista minerario si trattava di un territorio appetibile sia per le miniere esistenti, sia per quelle che potevano essere scoperte e coltivate. Due le figure che rappresenteranno il dominio veneto in Cadore e faranno eseguire i suoi ordini e le sue leggi: il capitano e il vicario. Le loro lettere ai capi del Consiglio dei Dieci ci offrono una testimonianza viva sulle vicende politiche, economiche e sociali del Cadore, dal 1500 al 1788. In questo volume ne vengono pubblicate 66 (54 dirette ai capi, 12 ad altre magistrature). Un’ampia introduzione storica, un glossario e un elenco di capitani e vicari offrono al lettore gli strumenti per meglio comprenderle.

Il volume è risultato tra i vincitori della 24ma edizione del Premio Brunacci di Monselice nel 2007.

  • Anno: 2007
  • Formato: 15,5x23 cm
  • Pagine: 200
  • Rilegatura: brossura cucita
  • ISBN: 9788883143700
  • Prezzo: 12.5 €