Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Ricerca avanzata

Il Ponte delle Disgrazie

di

Share
Condividi

Tanti ponti, un ponte solo. Dal 1388, anno in cui viene testimoniata per la prima volta la presenza di un ponte sul Piave a Belluno, il “Ponte delle Disgrazie” cade ben 28 volte, abbattuto da piene, da guerre, da crolli in corso d’opera. Con morti e feriti. E viene sempre rifatto nella stessa infausta sezione di fiume: in legno, in pietra, in ferro, in cemento armato. Una storia infinita, che si accompagna anche ad un’altra disgrazia, il dissesto finanziario del Comune provocato dall’ingente spesa sopportata a metà Ottocento per il primo solidissimo ponte di pietra, che puntualmente cade dieci anni dopo. Nella questione intervengono nei secoli celebri architetti, come Antonio da Ponte e Andrea Palladio. Da ultimo, Eugenio Miozzi, progettista dell’ultimo ponte, quello della Vittoria, tuttora esistente anche se assai malandato, inaugurato nel 1926. Ma davvero è solo tutto merito suo? Questo libro racconta le vicende degli ultimi due secoli, ricostruendo inediti e clamorosi retroscena tecnici, politici e amministrativi.

  • Anno: 2017
  • Formato: 12 x 20 cm
  • Pagine: 168
  • Illustrazioni: in bianco e nero
  • Rilegatura: brossura
  • ISBN: 9788883149191
  • Prezzo: 12,50 €