Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Filter by Custom Post Type
Ricerca avanzata

Cime irredente

Un tempestoso caso storico-alpinistico

di

Share
Condividi

Un ironico e coinvolgente ritratto di famiglia di una sezione del Club alpino italiano, che dal 1883 a oggi ha riunito nobili austro-ungarici, famosi scrittori, massoni di spicco, alcuni ministri di Mussolini, una decina di partigiani diciottenni, ebrei e antisemiti, eroi e delatori, tutti uniti dalla comune passione per la Montagna. Una storia vera, che si legge come un romanzo. I protagonisti esploravano insieme le grotte del Carso o sfidavano le Dolomiti, come fratelli. Ma quando la Storia bussò anche alla porta del circolo, alcuni di essi imboccarono il medesimo sentiero, mentre altri si ritrovarono su posizioni diverse, se non addirittura in trincee opposte, fino alle estreme conseguenze. Li divise soprattutto il modo d’intendere il patriottismo e la convivenza con gli altri popoli, che alcuni chiamavano “allogeni” o “inferiori”. Così fu di loro e di alcuni dei loro figli, in un’Europa dove il passato stenta a togliere il disturbo. Un’Europa ancora inquieta, dove continua a essere attuale questo inconsueto racconto di confine tra storia e alpinismo, riproposto ora in una nuova edizione. Con una coda intrigante.

«Scheletri nell’armadio, ardori veri e finti, eroismi e conversioni di una città di confine in una scrittura accattivante dal tono diaristico-narrativo.»
(Ernesto Galli della Loggia su «L’Espresso» del 6/2/1997)

  • Anno: 2019
  • Formato: 12 x 20 cm
  • Rilegatura: brossura
  • ISBN: 9788883149696
  • Prezzo: 18,00 €
  • In preparazione