Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Filter by Custom Post Type
Ricerca avanzata

Cime irredente

Un tempestoso caso storico-alpinistico

di

Share
Condividi

Cime irredente è l’ironico e coinvolgente ritratto di famiglia di una sezione del Club alpino italiano, che dal 1883 a oggi ha riunito nobili austroungarici, famosi scrittori, massoni di spicco, alcuni ministri di Mussolini, una decina di partigiani diciottenni, ebrei e antisemiti, eroi e delatori, tutti uniti dalla comune passione per la Montagna. Lo ripubblichiamo perché questo inconsueto racconto di confine tra storia e alpinismo continua a essere attuale in questi nostri tempi inquieti. Teatro dell’azione è il territorio di Trieste, ritrovatosi prima austroungarico, poi italiano, inglobato nel III Reich, occupato dalla Jugoslavia comunista, dagli angloamericani, e infine smembrato tra Italia e Jugoslavia. I protagonisti di queste vicende storiche esploravano insieme le grotte del Carso o sfidavano le Dolomiti come fratelli. Ma quando la Storia bussò anche alla porta del circolo, Caino tradì Abele fino alle estreme conseguenze: le fucilazioni, la Risiera di San Sabba, le foibe. Colpa delle paure quasi ancestrali, delle vendette, che coinvolsero i nostri padri e che essi non ci hanno raccontato; ed è forse anche per questo che sembrano ritornare inspiegabilmente alla luce. I componenti della “famiglia alpinistica” triestina si divisero soprattutto sul modo d’intendere il patriottismo e la convivenza con gli altri popoli, che alcuni chiamavano “allogeni” o “inferiori”. Così fu di loro e di alcuni dei loro figli – compreso l’Autore – in un’Europa dove il passato stenta a togliere il disturbo.

«Scheletri nell’armadio, ardori veri e finti, eroismi e conversioni di una città di confine in una scrittura accattivante dal tono diaristico-narrativo» (Ernesto Galli della Loggia su «L’Espresso» del 6/2/1997).

«E I’Alpe mormorò: non passa lo sloveno. La storia di una battaglia pro e contro i nazionalismi di frontiera, una ricerca storica, che termina in un tribunale civile; è anche il sogno di un’idea di tolleranza fra i popoli» (Gilberto Finzi, «Corriere della Sera», 27 febbraio 1997).

«Un avvincente, crudele, divertente racconto» (Franco Panizon, «La Gazzetta del Mezzogiorno», 15 settembre 1996).

«Si dice che la montagna affratelli, ma il libro dimostra che le cose vanno un po’ diversamente» (Franco Brevini, «Panorama», 1 agosto 1996).

«Senza Cime irredente il mio Point Lenana sarebbe stato molto diverso» (Wu Ming 1, maggio 2013).

  • Anno: 2019
  • Formato: 12 x 20 cm
  • Pagine: 432
  • Illustrazioni: in bianco e nero
  • Rilegatura: brossura
  • ISBN: 9788883149696
  • Prezzo: 18,00 €
  • In preparazione